Messaggio più recente

Volver..

Il ritorno a casa porta con se la gioia di ritrovare i propri affetti, le proprie abitudini e la propria vita ma anche un po’ di amarezza per la fine di questo lungo viaggio..  Non so se e quanto il cammino mi abbia cambiata, sicuramente mi ha arricchita e mi ha donato una nuova consapevolezza di me stessa..

Nei miei occhi rimarranno sempre le incredibili stellate, la luce del sole che filtra attraverso i rami degli alberi, le vallate sterminate,l’infinita’ di colori della natura così netti e distinti, il placido fluire dell’acqua dei fiumi e dei ruscelli…

Nel mio cuore rimarrà l’ infinita gentilezza e il sorriso delle persone incontrate: come le signore, che affacciate alle finestre delle proprie case, ci auguravano ” buen camino”; la proprietaria dell’ unico bar in mezzo al nulla che ci ha regalato le banane per il nostro cammino; oppure l’ hospitalero che vedendomi arrivare zoppa e abbattuta, mi ha tolto lo zaino dalle spalle, portato una sedia, dicendomi:”riposati, è duro il cammino”.

Nella mia mente rimarrà l ‘ incredulità per aver scoperto che si può benissimo vivere con solo ciò che si ha nello zaino ( uno zaino da 980gr..). Il cammino mi ha fatto capire che quasi tutto ciò che abbiamo non ci serve veramente ( e ve lo dice una persona che ha un armadio pieno di vestiti, per non parlare delle scarpe), è superfluo.

Nella mia anima rimarranno i piccoli ma preziosi momenti vissuti con la Roby come le corse, con uno zaino da 6 kg sulle spalle, all’aeroporto o in stazione per non perdere la coincidenza; le canzoni della Pausini cantate per darci la forza di affrontare gli ultimi chilometri di una tappa giornaliera; le ore passate in bagno ad asciugare i vestiti ( soprattutto i calzini) ancora umidi per il giorno dopo con il phon; la stessa lista delle priorità giornaliere: un bagno, del cibo, un posto dove dormire, un caffè e una sigaretta ( non necessariamente in questo ordine); le risate e i balletti dopo cena e dopo qualche bicchiere di tinto; i silenzi dentro i quali ognuna ritrovava se stessa o semplicemente non pensava a nulla; lo stesso mal di piedi che ci ha fatto girare per tutta Madrid con il sandalo e il calzino come i tedeschi da noi al mare; tutte le ” zuccate” che ho dato nei letti a castello e che forse l’avranno svegliata… Momenti che hanno fatto del mio cammino ”  il nostro cammino “e che mi hanno fatto capire, se mai ce ne fosse bisogno, quanto sia preziosa la nostra amicizia.

Questo e’ stato per me il  cammino…

Da domani divento vegetariana lo giuro!

Dopo aver mangiato per giorni uova fritte con salsiccia e patatine fritte, panini con il prosciutto ( nella variante cotto e crudo, in rare eccezioni anche salame) e brioches ( ormai sono 13 giorni che non mangio verdura)  questo e’ il risultato, ecco la mia nuova shiluette

20141014_143857Io sono la prova vivente che lo sport non favorisce la perdita di peso…. Ho gonfie anche le palpebre… per cui ho deciso: da domani divento vegetariana!!!

 

Madrid… ultimo giorno…

20141015_084711Palazzo Reale

Questa mattina dopo millemila ore di viaggio in autobus siamo arrivate a Madrid!! Subito il ritorno alla civiltà mi ha destabilizzata, non ero pronta al  caos di una grande citta’.. Solo ieri stavamo ammirando l’immensita’ dell’ oceano e oggi….

20141015_090941

capite?!?!?!? La trovo una città estremamente caotica e sinceramente un po’ mi ha delusa.. ma poi…colpo di scena.. Siamo andate a visitare il museo archeologico nazionale… Per tutti i miei colleghi: e’ una figata assurda!!! È strutturato benissimo, a livello multimediale e’ fruibile a tutti e contiene dei reperti favolosi dalla preistoria ai giorni nostri! Per tutti gli altri: forse troverete questo articolo noioso ( nel caso siete autorizzati a saltarlo e a passare al sucessivo) ma non posso non parlare di queste  meraviglie!! Tutto quello che ho studiato in questi anni e’ qui!! ( se siete facilmente suscettibili, o deboli di cuore, saltate la visione della prox foto).

2014-10-15 15.18.32

 

Amici Lucy: l’anello di congiunzione fra la scimmia e l’uomo!! Non  potevo credere che fosse davanti ai miei occhi! E poi tanta litica, oro, bronzo, mosaici grandi come tutto il mio salotto, vasi attici, Stele funerie, sarcofagi egizi…. Ho fatto quasi 200 foto solo nel museo (non le pubblico perché non vorrei prendermi una denuncia)..sono esagerata lo so ma quando mi prende l’eccitazione archeologica non mi ferma più nessuno!!!

Laura se stai leggendo trovami un cantiere che domani torno!!!

 

Santiago- Coruña- Madrid

Tre giorni da turiste ole’!!! Depositato lo zaino nel deposito bagagli della stazione, ieri ci siamo comportate da vere turiste e, armate di ombrello comprato rigorosamente dai cinesi ( perché, come dicono i locali, qui piove sempre) abbiamo fatto tappa in tutti i negozi di souvenir di Santiago nonché in tutti i bar e in tutte le vinerie ( e quando dico tutti intendo dire proprio tutti). Oggi invece siamo andate a visitare a Coruna, un viaggio a ritroso nel tempo dall’epoca romana a quella attuale coronato da una splendida giornata di sole! Ci sono diverse leggende su come fu fondata la città,  io vi narrero’ quella che a me piace di più, quella raccontata da Alfonso X, il saggio nel 1270. Racconta la storia del gigante Gerione che minacciava tutta la popolazione, Ercole si batté con lui e, dopo tre giorni di lotta, vinse Gerione, sepelli’ la sua testa e su di essa mandò a costeuire una torre. Nei dintorni fu fondata la città, cui diede il nome di Crunna, come ricordo della prima donna che la abitò,  e della wuale si innamorò ( sono sempre stata una romanticona). Quando Ercole partì Ispano finì il faro dotandolo di una lucerna con un fuoco che non si spegneva mai. Sistemo’ anche un grande specchio attraverso il quale si vedevano arrivare le navi nemiche.

20141014_142244

20141014_134237

 

 

La torre d’Ercole e’ il faro romano più antico del mondo ancora funzionante, simbolo della città e dichiarato patrimonio dell’ umanità nel 2009. Fu costruito nel I sec. d.C., all’epoca di Traino e originariamente doveva essere più basso perché munito di una rampa esterna attraverso la quale si portava il combistibile che alimentava il faro. Sucessivamente e’ stato modificato aggiungendo la parte superiore per un’altezza di 59 m e si eleva per 120 m dal livello del mare. La sua vista mi ha lasciata senza fiato.

2014-10-14 15.29.57vedete la freccia gialla? siamo qui!!!!

A Coruña

La città vecchia e’ il quartiere antico de A Coruna . Qui si trovano alcuni degli angoli più intimi e incantevoli con le sue strette stradine lastricate, le piazze appartate, le chiese romaniche…

20141014_112411(0)Chiesa di Santiago, e’ la chiesa più antica de A Coruna

20141014_112317

 

Sul timpano della facciata ovest e’ rappresentato Santiago a cavallo.

20141014_113944

 

Collegiata di Santa Maria del Campo

20141014_123206

Castello di San Anton, costruito come roccaforte per la difesa del porto.Alcune vedute dal castello:

20141014_13135120141014_130851

20141014_123526

20141014_130306

Ciao ciao

Non potendole imbarcare ho dovuto abbandonare le mie ” batecche”, non credevo mi sarebbe dispiaciuto così tanto… E pensare che per la prima settimana sono state quasi un peso, ci inciampavo pure e rischiavo di dimenticarle in ogni bar,  in ogni albergue… Invece, per 13 giorni, a loro mi sono aggrappata con tutte le forze quando affrontavo le aspre salite delle Asturie, quando pensavo di non farcela..loro mi hanno difesa, mi hanno aiutata a non scivolare, a non mollare.. Dovendole ” abbandonare” ho scelto il luogo simbolo per eccellenza, punto di arrivo di ogni pellegrino, la cattedrale di Santiago, sperando che possano servire ad un nuovo pellegrino.. Ciao ciao “batecche mie”…

20141012_153037

Santiago: la ” città di pietra”

Arrivata alla meta!!!! Non mi sembra vero, sembrava così lontana( 343 km dicono le fonti ufficiali)  e invece eccomi qua!!

20141012_094356E dopo aver ritirato la mia compostela

20141012_220519  ( è ufficiale adesso sono una vera pellegrina),  siamo andate alla funzione religiosa delle 12 nella cattedrale.  È stato un momento di forte impatto emotivo, anche per me che non so bene in cosa credo, e commozione nel momento in cui i pellegrini, provenienti da tutto il mondo, si sono scambiati il segno di pace, insieme all’ abbraccio alla statua di S. Giacomo sull’altare maggiore, alla visita della tomba nella cripta, al botafumeiro…

Ho provato tantissime emozioni e ho rivissuto tutto il viaggio e tutto quello che ho provato: i lunghi silenzi in cui ho ritrovato quiete e serenità;  i paesaggi meravigliosi, i pascoli, i boschi di querce, i villaggi; le risate con la Roby; ma anche i momenti di scoramento; il peso dello zaino; l’incessante susseguirsi di salite, di discese e nuove salite… Vorrei essere in grado di descrivere a parole tutto quello che ho provato, ma forse solo facendo il cammino lo si può capire… È valso la pena provare tutto e anche se oggi si conclude il cammino sono davvero felice! !

20141012_141510_LLS20141012_15305320141012_122246

 

 

Santiago

20141012_14294320141012_143112 Puerta Santa o del Perdon.. Viene aperta solo durante gli anni santi che ricorrono ogni qual volta il 26 di luglio, solennità di S. Giacomo, cade di domenica. Il prox anno santo sarà nel 2021, giorno in cui chi l’attraversa, può chiedere l’ indulgenza.

20141012_163207 La chiesa e la statua di S.Francesco, ricordano il pellegrinaggio del santo di Assisi, avvenuto forse fra il 1213 e il 1215

20141012_163320

 

Santiago

Santiago e’ stata dichiatata patrimonio dell’ umanità dall’ Unesco nel 1985. Ecco alcune foto di questa metavigliosa città

20141012_155537 La cattedrale e’ una prodigiosa fusione di romanico e barocco… La particolarità di questo orologio e’ che hs una sola lancetta,  quella che indica le ore.

 

Dodicesima tappa: Ribadiso-Lavacolla, 32 km

Di tutto il cammino questa e’ stata la tappa che meno mi e’  piaciuta. Abbiamo percorso un lungo tratto asfaltato, attraverso una periferia poco attraente, per poi tornare in aperta campagna. Arrivando dal Primitivo, l’affollamento del Francese, è stato per me straniante: i pochi visi noti del nostro cammino, si perdevano nella moltitudine confusa dei pellegrini. Tutto sembrava molto turistico e strideva con la bellezza e la solitudine vissute fino al giorno prima… Ma domani si arriva a Santiago…